Dallo Studio della Parola di Dio al Dono di sé senza riserve Lo stile domenicano di Fr. Giuseppe Girotti O.P.

Per fr. Ludovico Montoli O.P., con stima e gratitudine

 

Passeggiando all’ombra degli ampli platani che costeggiano i viali di Porta Vercellina e Papiniano, l’occhio è attratto dalle mura grigie dello storico carcere milanese di San Vittore. Luogo di sofferenze, simbolo amaro delle contrarietà che lacerano i giorni degli uomini, San Vittore fu riconosciuto dal Cardinal Martini come il luogo in cui paradossalmente si poteva auscultare «il cuore di Milano» (Intervento ai Giovani dell’Azione cattolica ambrosiana, Università Cattolica del Sacro Cuore, 20 maggio 2000). Il carcere di San Vittore ha incrociato la propria cruda storia anche con quella di un frate domenicano colpevole di non essersi allineato con chi non ha potuto, o più tragicamente, non ha voluto vedere quanto veniva compiuto nei confronti degli ebrei, in quell’Italia dei primi anni Quaranta del Novecento, violentata a tal punto da cedere all’incubo reale delle Leggi razziali. Mi riferisco a fr. Giuseppe Girotti dell’Ordine dei Predicatori, brillante biblista e uomo dedito a quelli che in Mt 25,31-46 sono chiamati “i fratelli più piccoli” del Signore, ossia gli ultimi… fossero gli ospiti dell’Ospizio dell’anziano e della vecchiaia di corso Stupinigi nella Torino a lui coeva, o fossero gli ebrei perseguitati. Ed è a causa dei segreti gesti di carità profferti nei confronti di questi ultimi, che padre Girotti venne arrestato a Torino nell’agosto del 1944, traferito nel settembre dello stesso anno proprio a San Vittore, prima di giungere al campo di concentramento di Bolzano e di essere definitivamente internato a Dachau, nel “blocco dei preti”, dove venne probabilmente ucciso con un’iniezione di benzina. Avviato nel 1988 il processo diocesano si è chiuso nel 1990: gli atti relativi al Servo di Dio domenicano sono custoditi, in attesa di un pronunciamento definitivo, presso la Congregazione della Causa dei Santi. Una ricca e avvincente biografia del coraggioso domenicano, cui rimando per ogni eventuale approfondimento, è stata pubblicata da Valerio Morello con il titolo di Morire per i “fratelli maggiori”. Una vita nella carità fino al martirio. Padre Giuseppe Girotti O.P. (Alba 1905-Dachau 1945), per i caratteri delle Edizioni Studio Domenicano di Bologna nel 1995. Riconosciuto ufficialmente a Gerusalemme Giusto tra le genti per il suo impegno a favore degli ebrei perseguitati, il Servo di Dio, ancora poco conosciuto persino tra i suoi stessi confratelli e consorelle, continua a testimoniare nei confronti di quanti si accostino alla sua figura la bellezza cristologica della vocazione domenicana e la sempre possibile realizzazione dell’ideale di vita ispirato alla caritas veritatis. Una vita abbracciata in radice, libera dalle abbaglianti fronde di un formalismo e di un legalismo di facciata, per lasciare spazio alla concreta potenzialità del carisma donato a san Domenico, capace per Grazia, di fecondare la realtà attraverso lo studio della Verità rivelata e l’impegno nella Carità vissuta, nel caso di fr. Giuseppe – con ogni probabilità e non per modo di dire – usque ad mortem. O per meglio dire, citando le parole stesse del Servo di Dio tratte dall’omelia pronunciata a Dachau il 21 giugno 1945 con il cuore teso alla possibile unità dei cristiani, l’esistenza del martire domenicano fu animata «dall’amore che nasce dalla verità pienamente accolta» (in V. MORELLO, Morire per i “fratelli maggiori”, op. cit., p. 153). Una vita certo non pienamente agiografica, quella del Nostro. L’umorismo, la benevola ironia, la parresia, quello che oggi si direbbe un’allergia al politically correct – che spesso lo hanno esposto al sospetto di confratelli e superiori più attenti a verificare la corrispondenza con un freddo ideale immaginato, piuttosto che a comprendere la realtà della persona con la quale si condivideva la sequela – non erano che l’altra faccia, certamente caratteriale, ma non meno efficace, dell’adesione sincera alla Carità evangelica, che richiede la docilità alla Verità incarnata così come il coraggio della libertà che si affida1. Insofferente ai vuoti convenzionalismi, di cui si ammanta l’immaginario 1 Ho avuto il dono di poter ascoltare alcuni confratelli che hanno conosciuto personalmente fr. Giuseppe Girotti. Faccio riferimento, in particolare, a fr. Enrico di Rovasenda e a fr. Raffaele Icardi. Entrambi mi hanno raccontato della
di chi concepisce la vita religiosa come un guscio, padre Girotti è stato un testimone della radicalità evangelica, sia nello studio sia nella vita. In questo senso, ritengo che una cifra signficativa per pensare l’attualità imperitura della sua testimonianza possa essere quella declinazione cristologica del carisma domenicano che santa Caterina attesta aver ricevuto da Dio Padre nel Dialogo della Divina Provvidenza, al cap. CLVIII, laddove di san Domenico viene detto che «egli prese l’officio del Verbo, unigenito mio Figliuolo». Questa è la prospettiva nella quale mi colloco per presentare il Servo di Dio: il compimento della vocazione domenicana nel duplice movimento cristico della predicazione (officio del Verbo come Rivelatore, in riferimento all’attività esegetica del Nostro per amore della Verità) e della donazione di sé (officio del Verbo come Redentore, in riferimento al martirio cui fr. Giuseppe è andato incontro al solo motivo della Carità, nel senso inteso da Gesù stesso: «nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici», Gv. 15,13).
«Santa passione per la Parola di Dio» Con queste parole, tratte dalla presentazione al settimo volume della Sacra Bibbia commentata dedicato al Libro di Isaia (L.I.C.E – Marietti, Torino 1942, p. 2), fr. Giuseppe descriveva con gratitudine i suoi studenti presso l’Istituto Missioni della Consolata, ma possono essere utilmente applicate allo stesso professore che non poteva non ritrovare la medesima passione che lo animava in coloro che la manifestavano. Passione che il Servo di Dio ha potuto nutrire presso l’École Biblique di Gerusalemme, come discepolo del fondatore p. M.-J. Lagrange al quale – nella presentazione del commento ai Sapienziali (L.I.C.E – Marietti, Torino 1938, p. 4) – il padre Girotti ha espresso in modo pubblico la «gratitudine più profonda» e il suo «attaccamento più fedele». Sempre attingendo alla presentazione del meticoloso commento al Libro di Isaia, si può comprendere qualcosa dell’amore che il Nostro nutriva per la Sacra Scrittura dalle citazioni di San Giovanni Crisostomo che aprono e chiudono la breve ouverture: la Parola è roccia che sostiene e protegge dagli intrighi umani (cf. Panegirico del Santo Martire Luciano, n. 1), così come la Parola di Dio è alimento spirituale che rinvigorisce la ragione, fortifica l’anima, accende l’amore per la Sapienza e libera dalle irragionevoli passioni, trasferendo chi la medita nel cielo stesso (cf. Omelia 29, n. 2 sul cap. IX del Genesi). Da questa scelta, tutt’altro che arbitraria, traspare come lo studio della Parola per il Servo di Dio non fosse qualcosa di prossimo ad un mestiere, bensì costituisse il mezzo di quella contemplazione che nutre ogni figlio di san Domenico portandolo a comunicare agli altri ciò che si è contemplato. Il riferimento al celebre Padre della Chiesa ci consente anche di sottolineare come, nella linea dello stesso p. Lagrange, lo studio della Scrittura fosse per p. Girotti tanto un’indagine filologica e storico-critica, quanto un vivo confronto con i Padri e i Dottori della Chiesa in comunione con i quali dischiudere il senso della Sacra Pagina. Sensibilità questa che il padre Girotti condivideva, in quegli anni non certo facili per l’esegesi cattolica, con chi scorgeva – si pensi, ad esempio, a un Henri de Lubac – nel cosidetto resourcemment la via privilegiata per attingere nuovamente la ricchezza della Rivelazione attestata. In particolare, il commento ad Isaia custodisce pagine di grande intensità scientifica e spirituale che colpiscono soprattutto alla luce del martirio a cui l’Autore sarebbe andato incontro a pochi anni dalla redazione di quel testo. Si tratta del commento preparato da padre Girotti ai canti del Servo di Jhwh presenti nel Libro del profeta Isaia: un’ampia sezione, costruita meticolosamente attorno ai contributi scientifici allora più rigorosi, ricca di riferimenti patristici e tommasiani, costellata di incisi di solida spiritualità, radicalmente cristologica. Ne diamo un saggio, tratto dalla nota ad Is 53, 12 (Libro di Isaia, op. cit., p. 560) versetto che chiude l’ultimo canto del Servo di Jhwh definito dal nostro «Vangelo del Vecchio Testamento sulla Passione di nostro Signore Gesù Cristo»:
spontanea e gioviale bontà del Girotti, non segnalando nulla di sconveniente. In particolare, nell’estate del 2005, fr. Raffaele Icardi – che fu studente di fr. Girotti – mi ha raccontato di alcune occasioni nelle quali, durante le lezioni, il Servo di Dio aspirava un po’ di tabacco da fiuto, riposto tra le pagine del libro di testo. Questo ricordo era motivo di gioia per l’anziano fr. Raffaele che raccontava l’episodio, intervallando espressioni di sincera ammirazione per l’erudizione del docente, nonché piccoli ricordi relativi all’instancabile – quanto inconsueta – attività caritativa dello stesso.
«Dinanzi al fulgente mistero della Croce, gli uomini esperimentano tutta la efficacia della carità di Cristo che trasforma in sorgente di salvezza l’infinito suo dolore per dire a tutti coloro che soffrono – e tutti soffrono – che dalla sofferenza sgorga ogni forza di rigenerazione e di redenzione per una vita più degna dell’uomo. Dinanzi a questo altare s’incontrano dunque le contraddizioni dello spirito e della carne per essere vinte e domate dalla santa verità liberatrice che restaura in noi l’armonia spezzata dal peccato e nella subordinazione dello spirito a Dio trova la forza di ricostruire la vita nel suo valore reale, subordinando la materia allo spirito. Dinanzi all’Uomo dei dolori, tutte le divergenze dell’odio e della disperazione, della gioia e della tristezza, sono bruciate dalla fiamma ardente del sacrificio trasformante; si risolvono in un finale accordo superiore, come le note di una fuga in un supremo anelito che, nell’attività del riposo fecondo, chiude l’ansia dell’affannosa ricerca, della rincorsa veloce, accelerata dal palpito di un’interiore spinta d’amore. Così le difficoltà sono superate dalla vita che, finalmente sciolta da ogni impaccio e legame interiore, sboccia e fiorisce dianzi a Lui in omaggi di riconoscenza, in trionfo di adorazione, in canto di vittoria, in inno di ringraziamento».
«Ragione dell’arresto: aiuto agli ebrei» Con queste parole la scheda personale del detenuto a Dachau spiega la motivazione della reclusione nel campo di concentramento: l’aiuto prestato agli ebrei, quelli che per fr. Giuseppe, erano i «portatori della Parola di Dio» cui prestava soccorso esclusivamente in nome della carità che il Cristo aveva testimonianta fino alla morte in obbedienza al Padre (cf. V. MORELLO, op. cit., pp. 133 e 136). La Verità contemplata nella Parola di Dio, ed approfondita da padre Girotti soprattutto nella linea cristologica profetizzata dai canti del Servo di Jhwh, lo ha portato a corrispondere con quell’amore per il prossimo che si dona fino a mettere a repentaglio la propria vita per gli altri, nella fiducia più profonda che il Signore della Vita è Risorto e chi ha sofferto con Lui, con Lui sarà innalzato nella gloria. In un tempo storico come quello vissuto dal Nostro, sotto il dominio di un regime che considerava l’aiuto ad una popolazione destinata allo sterminio come un delitto, così come il cristianesimo una religione da condannare all’oblio, non penso ci sia motivo di distinguere tra il martirio in odium fidei e martirio per la carità. «La fede che opera per mezzo della carità» (Gal 5,6) è stata, a quanto si è potuto ricostruire, il movente che ha animato l’azione discreta ed efficace del Nostro a favore degli ebrei perseguitati. In ultima analisi, l’odio nei confronti di un religioso che realizza con il suo operato il comandamento della carità coincide, nel caso del regime nazista così come nel caso di altri regimi dichiaratamente nemici della Croce, con l’odio nei confronti della fede. E solo la fede, manifestata nella dedizione incondizionata al servizio del prossimo e di della Parola di Dio, ha potuto sostenere padre Girotti nel campo di Dachau: ilare e sereno, generoso, uomo laddove tutto era organizzato per estirpare l’umanità, fedele alla vocazione religiosa e sacerdotale, quando possibile continuando la meditazione sulle pagine della Sacra Scrittura, predicando l’amore e l’unità, in particolar modo tra i ministri di diverse confessioni cristiane, reclusi insieme a Dachau.La morte per consunzione dovuta alle condizioni disumane del campo, acuite da una serena generosità che non guardava a sé nel condividere il minimo cibo con i compagni di detenzione, arrivò il 1° aprile 1945, giorno di Pasqua: «appena la notizia della morte del frate si diffuse per il campo, una mano ignota scrisse a matita presso il suo giaciglio: San Giuseppe Girotti» (cf. V. MORELLO, op. cit., p. 113). Lo studio della Parola di Dio e la carità viva, viscerale, che scaturiscono dall’amore di Dio per rifluire sul prossimo nel segno della misericordia sono i tratti di uno stile domenicano vivo ed efficace – a tratti, soprattutto nei momenti dell’incomprensione vissuta all’interno del proprio ambiente religioso, profetico – che padre Girotti lascia in eredità all’Ordine e alla Provincia San Domenico in Italia, nel segno del martirio. Tornando ai nostri giorni, parafrasando un’espressione attribuita a Chesterton si può dire che la storia della Provincia, come la storia della Chiesa, è costituita da un’avanguardia di santi, da un corpo di mediocri e da una retroguardia di delinquenti. Il criterio di quest’acuta, quanto realistica, analisi non può essere che la carità. Accogliendo in tutto il giudizio della Sede Apostolica, atteso con viva trepidazione, chi di noi potrebbe dubitare che fr. Giuseppe Girotti visse e morì “in prima linea”?
FR. MARCO SALVIOLI O.P.
Passeggiando all’ombra degli ampli platani che costeggiano i viali di Porta Vercellina e Papiniano, l’occhio è attratto dalle mura grigie dello storico carcere milanese di San Vittore. Luogo di sofferenze, simbolo amaro delle contrarietà che lacerano i giorni degli uomini, San Vittore fu riconosciuto dal Cardinal Martini come il luogo in cui paradossalmente si poteva auscultare «il cuore di Milano» (Intervento ai Giovani dell’Azione cattolica ambrosiana, Università Cattolica del Sacro Cuore, 20 maggio 2000). Il carcere di San Vittore ha incrociato la propria cruda storia anche con quella di un frate domenicano colpevole di non essersi allineato con chi non ha potuto, o più tragicamente, non ha voluto vedere quanto veniva compiuto nei confronti degli ebrei, in quell’Italia dei primi anni Quaranta del Novecento, violentata a tal punto da cedere all’incubo reale delle Leggi razziali. Mi riferisco a fr. Giuseppe Girotti dell’Ordine dei Predicatori, brillante biblista e uomo dedito a quelli che in Mt 25,31-46 sono chiamati “i fratelli più piccoli” del Signore, ossia gli ultimi… fossero gli ospiti dell’Ospizio dell’anziano e della vecchiaia di corso Stupinigi nella Torino a lui coeva, o fossero gli ebrei perseguitati. Ed è a causa dei segreti gesti di carità profferti nei confronti di questi ultimi, che padre Girotti venne arrestato a Torino nell’agosto del 1944, traferito nel settembre dello stesso anno proprio a San Vittore, prima di giungere al campo di concentramento di Bolzano e di essere definitivamente internato a Dachau, nel “blocco dei preti”, dove venne probabilmente ucciso con un’iniezione di benzina. Avviato nel 1988 il processo diocesano si è chiuso nel 1990: gli atti relativi al Servo di Dio domenicano sono custoditi, in attesa di un pronunciamento definitivo, presso la Congregazione della Causa dei Santi. Una ricca e avvincente biografia del coraggioso domenicano, cui rimando per ogni eventuale approfondimento, è stata pubblicata da Valerio Morello con il titolo di Morire per i “fratelli maggiori”. Una vita nella carità fino al martirio. Padre Giuseppe Girotti O.P. (Alba 1905-Dachau 1945), per i caratteri delle Edizioni Studio Domenicano di Bologna nel 1995. Riconosciuto ufficialmente a Gerusalemme Giusto tra le genti per il suo impegno a favore degli ebrei perseguitati, il Servo di Dio, ancora poco conosciuto persino tra i suoi stessi confratelli e consorelle, continua a testimoniare nei confronti di quanti si accostino alla sua figura la bellezza cristologica della vocazione domenicana e la sempre possibile realizzazione dell’ideale di vita ispirato alla caritas veritatis. Una vita abbracciata in radice, libera dalle abbaglianti fronde di un formalismo e di un legalismo di facciata, per lasciare spazio alla concreta potenzialità del carisma donato a san Domenico, capace per Grazia, di fecondare la realtà attraverso lo studio della Verità rivelata e l’impegno nella Carità vissuta, nel caso di fr. Giuseppe – con ogni probabilità e non per modo di dire – usque ad mortem. O per meglio dire, citando le parole stesse del Servo di Dio tratte dall’omelia pronunciata a Dachau il 21 giugno 1945 con il cuore teso alla possibile unità dei cristiani, l’esistenza del martire domenicano fu animata «dall’amore che nasce dalla verità pienamente accolta» (in V. MORELLO, Morire per i “fratelli maggiori”, op. cit., p. 153). Una vita certo non pienamente agiografica, quella del Nostro. L’umorismo, la benevola ironia, la parresia, quello che oggi si direbbe un’allergia al politically correct – che spesso lo hanno esposto al sospetto di confratelli e superiori più attenti a verificare la corrispondenza con un freddo ideale immaginato, piuttosto che a comprendere la realtà della persona con la quale si condivideva la sequela – non erano che l’altra faccia, certamente caratteriale, ma non meno efficace, dell’adesione sincera alla Carità evangelica, che richiede la docilità alla Verità incarnata così come il coraggio della libertà che si affida1. Insofferente ai vuoti convenzionalismi, di cui si ammanta l’immaginario 1 Ho avuto il dono di poter ascoltare alcuni confratelli che hanno conosciuto personalmente fr. Giuseppe Girotti. Faccio riferimento, in particolare, a fr. Enrico di Rovasenda e a fr. Raffaele Icardi. Entrambi mi hanno raccontato della
di chi concepisce la vita religiosa come un guscio, padre Girotti è stato un testimone della radicalità evangelica, sia nello studio sia nella vita. In questo senso, ritengo che una cifra signficativa per pensare l’attualità imperitura della sua testimonianza possa essere quella declinazione cristologica del carisma domenicano che santa Caterina attesta aver ricevuto da Dio Padre nel Dialogo della Divina Provvidenza, al cap. CLVIII, laddove di san Domenico viene detto che «egli prese l’officio del Verbo, unigenito mio Figliuolo». Questa è la prospettiva nella quale mi colloco per presentare il Servo di Dio: il compimento della vocazione domenicana nel duplice movimento cristico della predicazione (officio del Verbo come Rivelatore, in riferimento all’attività esegetica del Nostro per amore della Verità) e della donazione di sé (officio del Verbo come Redentore, in riferimento al martirio cui fr. Giuseppe è andato incontro al solo motivo della Carità, nel senso inteso da Gesù stesso: «nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici», Gv. 15,13).
«Santa passione per la Parola di Dio» Con queste parole, tratte dalla presentazione al settimo volume della Sacra Bibbia commentata dedicato al Libro di Isaia (L.I.C.E – Marietti, Torino 1942, p. 2), fr. Giuseppe descriveva con gratitudine i suoi studenti presso l’Istituto Missioni della Consolata, ma possono essere utilmente applicate allo stesso professore che non poteva non ritrovare la medesima passione che lo animava in coloro che la manifestavano. Passione che il Servo di Dio ha potuto nutrire presso l’École Biblique di Gerusalemme, come discepolo del fondatore p. M.-J. Lagrange al quale – nella presentazione del commento ai Sapienziali (L.I.C.E – Marietti, Torino 1938, p. 4) – il padre Girotti ha espresso in modo pubblico la «gratitudine più profonda» e il suo «attaccamento più fedele». Sempre attingendo alla presentazione del meticoloso commento al Libro di Isaia, si può comprendere qualcosa dell’amore che il Nostro nutriva per la Sacra Scrittura dalle citazioni di San Giovanni Crisostomo che aprono e chiudono la breve ouverture: la Parola è roccia che sostiene e protegge dagli intrighi umani (cf. Panegirico del Santo Martire Luciano, n. 1), così come la Parola di Dio è alimento spirituale che rinvigorisce la ragione, fortifica l’anima, accende l’amore per la Sapienza e libera dalle irragionevoli passioni, trasferendo chi la medita nel cielo stesso (cf. Omelia 29, n. 2 sul cap. IX del Genesi). Da questa scelta, tutt’altro che arbitraria, traspare come lo studio della Parola per il Servo di Dio non fosse qualcosa di prossimo ad un mestiere, bensì costituisse il mezzo di quella contemplazione che nutre ogni figlio di san Domenico portandolo a comunicare agli altri ciò che si è contemplato. Il riferimento al celebre Padre della Chiesa ci consente anche di sottolineare come, nella linea dello stesso p. Lagrange, lo studio della Scrittura fosse per p. Girotti tanto un’indagine filologica e storico-critica, quanto un vivo confronto con i Padri e i Dottori della Chiesa in comunione con i quali dischiudere il senso della Sacra Pagina. Sensibilità questa che il padre Girotti condivideva, in quegli anni non certo facili per l’esegesi cattolica, con chi scorgeva – si pensi, ad esempio, a un Henri de Lubac – nel cosidetto resourcemment la via privilegiata per attingere nuovamente la ricchezza della Rivelazione attestata. In particolare, il commento ad Isaia custodisce pagine di grande intensità scientifica e spirituale che colpiscono soprattutto alla luce del martirio a cui l’Autore sarebbe andato incontro a pochi anni dalla redazione di quel testo. Si tratta del commento preparato da padre Girotti ai canti del Servo di Jhwh presenti nel Libro del profeta Isaia: un’ampia sezione, costruita meticolosamente attorno ai contributi scientifici allora più rigorosi, ricca di riferimenti patristici e tommasiani, costellata di incisi di solida spiritualità, radicalmente cristologica. Ne diamo un saggio, tratto dalla nota ad Is 53, 12 (Libro di Isaia, op. cit., p. 560) versetto che chiude l’ultimo canto del Servo di Jhwh definito dal nostro «Vangelo del Vecchio Testamento sulla Passione di nostro Signore Gesù Cristo»:
spontanea e gioviale bontà del Girotti, non segnalando nulla di sconveniente. In particolare, nell’estate del 2005, fr. Raffaele Icardi – che fu studente di fr. Girotti – mi ha raccontato di alcune occasioni nelle quali, durante le lezioni, il Servo di Dio aspirava un po’ di tabacco da fiuto, riposto tra le pagine del libro di testo. Questo ricordo era motivo di gioia per l’anziano fr. Raffaele che raccontava l’episodio, intervallando espressioni di sincera ammirazione per l’erudizione del docente, nonché piccoli ricordi relativi all’instancabile – quanto inconsueta – attività caritativa dello stesso.
«Dinanzi al fulgente mistero della Croce, gli uomini esperimentano tutta la efficacia della carità di Cristo che trasforma in sorgente di salvezza l’infinito suo dolore per dire a tutti coloro che soffrono – e tutti soffrono – che dalla sofferenza sgorga ogni forza di rigenerazione e di redenzione per una vita più degna dell’uomo. Dinanzi a questo altare s’incontrano dunque le contraddizioni dello spirito e della carne per essere vinte e domate dalla santa verità liberatrice che restaura in noi l’armonia spezzata dal peccato e nella subordinazione dello spirito a Dio trova la forza di ricostruire la vita nel suo valore reale, subordinando la materia allo spirito. Dinanzi all’Uomo dei dolori, tutte le divergenze dell’odio e della disperazione, della gioia e della tristezza, sono bruciate dalla fiamma ardente del sacrificio trasformante; si risolvono in un finale accordo superiore, come le note di una fuga in un supremo anelito che, nell’attività del riposo fecondo, chiude l’ansia dell’affannosa ricerca, della rincorsa veloce, accelerata dal palpito di un’interiore spinta d’amore. Così le difficoltà sono superate dalla vita che, finalmente sciolta da ogni impaccio e legame interiore, sboccia e fiorisce dianzi a Lui in omaggi di riconoscenza, in trionfo di adorazione, in canto di vittoria, in inno di ringraziamento».
«Ragione dell’arresto: aiuto agli ebrei» Con queste parole la scheda personale del detenuto a Dachau spiega la motivazione della reclusione nel campo di concentramento: l’aiuto prestato agli ebrei, quelli che per fr. Giuseppe, erano i «portatori della Parola di Dio» cui prestava soccorso esclusivamente in nome della carità che il Cristo aveva testimonianta fino alla morte in obbedienza al Padre (cf. V. MORELLO, op. cit., pp. 133 e 136). La Verità contemplata nella Parola di Dio, ed approfondita da padre Girotti soprattutto nella linea cristologica profetizzata dai canti del Servo di Jhwh, lo ha portato a corrispondere con quell’amore per il prossimo che si dona fino a mettere a repentaglio la propria vita per gli altri, nella fiducia più profonda che il Signore della Vita è Risorto e chi ha sofferto con Lui, con Lui sarà innalzato nella gloria. In un tempo storico come quello vissuto dal Nostro, sotto il dominio di un regime che considerava l’aiuto ad una popolazione destinata allo sterminio come un delitto, così come il cristianesimo una religione da condannare all’oblio, non penso ci sia motivo di distinguere tra il martirio in odium fidei e martirio per la carità. «La fede che opera per mezzo della carità» (Gal 5,6) è stata, a quanto si è potuto ricostruire, il movente che ha animato l’azione discreta ed efficace del Nostro a favore degli ebrei perseguitati. In ultima analisi, l’odio nei confronti di un religioso che realizza con il suo operato il comandamento della carità coincide, nel caso del regime nazista così come nel caso di altri regimi dichiaratamente nemici della Croce, con l’odio nei confronti della fede. E solo la fede, manifestata nella dedizione incondizionata al servizio del prossimo e di della Parola di Dio, ha potuto sostenere padre Girotti nel campo di Dachau: ilare e sereno, generoso, uomo laddove tutto era organizzato per estirpare l’umanità, fedele alla vocazione religiosa e sacerdotale, quando possibile continuando la meditazione sulle pagine della Sacra Scrittura, predicando l’amore e l’unità, in particolar modo tra i ministri di diverse confessioni cristiane, reclusi insieme a Dachau.La morte per consunzione dovuta alle condizioni disumane del campo, acuite da una serena generosità che non guardava a sé nel condividere il minimo cibo con i compagni di detenzione, arrivò il 1° aprile 1945, giorno di Pasqua: «appena la notizia della morte del frate si diffuse per il campo, una mano ignota scrisse a matita presso il suo giaciglio: San Giuseppe Girotti» (cf. V. MORELLO, op. cit., p. 113). Lo studio della Parola di Dio e la carità viva, viscerale, che scaturiscono dall’amore di Dio per rifluire sul prossimo nel segno della misericordia sono i tratti di uno stile domenicano vivo ed efficace – a tratti, soprattutto nei momenti dell’incomprensione vissuta all’interno del proprio ambiente religioso, profetico – che padre Girotti lascia in eredità all’Ordine e alla Provincia San Domenico in Italia, nel segno del martirio. Tornando ai nostri giorni, parafrasando un’espressione attribuita a Chesterton si può dire che la storia della Provincia, come la storia della Chiesa, è costituita da un’avanguardia di santi, da un corpo di mediocri e da una retroguardia di delinquenti. Il criterio di quest’acuta, quanto realistica, analisi non può essere che la carità. Accogliendo in tutto il giudizio della Sede Apostolica, atteso con viva trepidazione, chi di noi potrebbe dubitare che fr. Giuseppe Girotti visse e morì “in prima linea”?
FR. MARCO SALVIOLI O.P.