Domenicani illustri

Santi e Beati dell' Ordine dei Predicatori
ghattas
La canonizzazione della beata Maria Alfonsina Danil Ghattasversione testuale
Una nuova santa della Famiglia Domenicana
Nel Concistoro Ordinario Pubblico del 14 febbraio 2015 il Santo Padre papa Francescoha annunciato la canonizzazione della beata Maria Alfonsina Danil Ghattas, una terziaria domenicana, che avrà luogo il 17 maggio 2015 nella basilica di S. Pietro in Roma.
La beata Maria Alfonsina Danil Ghattas nacque a Gerusalemme il 4 Ottobre 1843 in una pia famiglia, che le assicurò una sana educazione cristiana. Fu battezzata il 19 novembre dello stesso anno. Dal settembre del 1848 iniziò a frequentare la scuola delle Sorelle di San Giuseppe dell’Apparizione, che era appena arrivata a Gerusalemme alcuni mesi prima. Il 18 giugno 1852 ricevette il sacramento della confermazione.
Raggiunta la maturità delle sue aspirazioni entrò, nel 1858, nella vita religiosa, come postulante dell’Istituto delle Sorelle di San Giuseppe dell’Apparizione. Il 20 giugno 1860 ricevette l’abito religioso, e con il nome di Maria Alfonsina fece la professione religiosa nel 1863. Ebbe successivamente l’incarico di insegnare catechismo in una scuola pubblica a Gerusalemme. Si distinse per lo zelo e l’impegno con cui faceva il suo lavoro. Nel 1865 fu trasferita a Betlemme per continuare il suo ministero d’insegnante. Promosse la Confraternità dell’Immacolata Concezione (che più tardi sarà conosciuta come «Figlie di Maria»), e anche la Confraternita delle Madri Cristiane.
Il 6 gennaio 1874 la Vergine Maria le apparve per la prima volta. Esattemante un anno dopo, la Vergine Maria le apparve di nuovo e le chiese di dare inizio a una famiglia religiosa, che sarebbe stata conosciuta come la Congregazione del Santo Rosario. Riferì le sue esperienze mistiche al Patriarca di Gerusalemme, il Vescovo Vincenzo Bracco, che la incoraggiò e le diede un direttore spirituale nella persona di P. Angelo Belloni.
Nel maggio 1876, quando P. Belloni dovette andarsene, suor Maria Alfonsina cercò la direzione spirituale di P. Joseph Tannous. Dopo alcune difficoltà, egli finalmente imparò a capirla e ad apprezzarla. Le chiese di iniziare a scrivere le sue esperienze mistiche, includendo qualunque cosa fosse riferita alla nuova congregazione che la Vergine Maria voleva farle iniziare.
Nel corso del tempo, le Figlie di Maria avevano continuato a crescere nella loro aspirazione di vita religiosa. Nel luglio del 1880, dapprima esse iniziarono a vivere in comune sotto la direzione di P. Tannous, e il 15 dicembre 1881 il primo gruppo di suore ricevette l’abito dalle mani del Patriarca di Gerusalemme. In accordo con il desiderio della Vergine Maria, la nuova comunità di suore fu chiamata Istituto delle Suore del Santo Rosario.
Il 12 settembre 1880 suor Maria Alfonsina ottenne dal Santo Padre la dispensa dagli obblighi dei suoi voti nella Congregazione delle Sorelle di San Giuseppe. Il 7 ottobre 1883 entrò nella Congregazione delle Suore del Santo Rosario, e l’8 dicembre dello stesso anno ricevette l’abito religioso (con il nome di Alfonsina Maria), iniziando il suo noviziato. Il 7 marzo 1885 fece la professione dei voti religiosi, e il 25 luglio fu nuovamente mandata a Jaffa ad insegnare.
Il 1° novembre 1886, insieme a suor Hanneh, aprì una nuova missione a Beit-Sahour, e l’anno successivo viaggiò con un’altra sorella a Salt, in Giordania, per aprire un’altra casa. Nel 1889 la Regola delle Sorelle del Santo Rosario ricevette l’approvazione diocesana. Quello stesso anno, suor Alfonsina Maria viaggiò a Naplus ma si ammalò di febbre gialla. Dovette ritornare alla Casa Madre a Gerusalemme per ricevere cure.
Il 4 ottobre 1890, alla vigilia della festa del Santo Rosario, fu ammessa nel Terz’Ordine dei Domenicani presso il convento domenicano di Gerusalemme. All’inizio del 1892, fu trasferita alla missione di Zababdeh e dal 1893 al 1908 fu superiora della loro casa a Betlemme. Dal 1909 al 1917, mentre era ancora presso la Casa Madre di Gerusalemme, le fu chiesto di fondare un orfanatrofio ad Ain Karem.
Dal marzo 1927 le sue condizioni di salute peggiorarono, il che successivamente porterà alla sua morte. Infatti ella morì il 25 marzo 1927, e fu sepolta il giorno successivo.
Malgrado gli evidenti segni della sua santità, alcune difficoltà interne all’Istituto delle Sorelle del Santo Rosario e la difficile situazione politica in Medio Oriente impedirono l’inizio immediato della sua causa di beatificazione e canonizzazione. Superate tali difficoltà, la causa iniziò a Gerusalemme nel 1986. Portata a termine la procedura prescritta, la causa diocesana si è chiusa nel maggio del 1987.
Il 15 dicembre 1994 è stato proclamato il decreto sulle sue virù eroiche. Dopo che un’inchiesta diocesana su un presunto miracolo si è conclusa nel 2005, il decreto sul miracolo è stato proclamato il 3 luglio 2009. Il 22 novembre del 2009 il rito della sua beatificazione è stato celebrato nella Basilica dell’Annunciazione a Nazareth. Il 17 maggio 2015 sarà canonizzata nella Basilica di S. Pietro in Roma.
Le suore della Congregatione del Santo Rosario lavorano attualmente in Palestina (striscia di Gaza), Israele, Giordania, Libano, Egitto, Siria, Kuwait, in alcuni emirati del Golfo (Abu Dhabi, Shariqah) e a Roma.
Fr. Francesco Ricci, O.P.